Carlos: interviste, isolamento e sciopero della fame a una settimana dal processo


Nonostante tutto, Ilich Ramírez Sánchez, alias Carlos, continua a far parlare di sé. Ad una settimana esatta dall’inizio del processo che lo vedrà imputato di fronte alla Corte d’Assise di Parigi per terrorismo, uno dei due avvocati dello Sciacallo, Francis Vuillemin (l’altro suo legale, Isabelle Coutant-Peyre, è anche sua moglie), ha annunciato che, dopo dieci…

Con Felice Maniero si è arreso anche lo Stato?


Il boss della mala del Brenta è libero. I dubbi di Zornetta, giornalista veneziana, sul «pentimento» Ora che Felice Maniero, il boss della mala del Brenta, è tornato libero, un libro torna a interrogarsi sui risvolti oscuri del suo pentimento di 16 anni fa. Lo ha scritto una giornalista veneziana, Monica Zornetta, si intitola La…

«Ho gestito i miliardi di Maniero, ma lui ha tentato di farmi uccidere tre volte»


Intervista postuma al cassiere di Felicetto: «Si è accusato di un omicidio mai commesso». La storia del maresciallo corrotto Mario Artuso durante processo L’ultima verità di Mario Artuso. E’ morto il “contabile” di Felice Maniero, l’uomo che ha contribuito a trasformare una banda di ladri di polli in una holding del crimine organizzato. Quella di…

Supereroi contro Supercattivi. XL di Repubblica racconta….


LE COPERTINE L’Editoriale Supereroi contro supercattivi. Sono loro i protagonisti delle due copertine di XL di novembre rispettivamente dedicate al 75esimo anniversario della DC Comics e alla seconda e ultima stagione della serie tv Romanzo Criminale. Per festeggiare il compleanno della casa editrice di Superman, Batman & Co., XL ha ripercorso la storia dei supereroi…

Ciak si gira: il killer Maniero diventa già film


Le imprese dei banditi ancora una volta attirano autori di fiction e pubblico. E così la carriera criminale di Faccia d’angelo da quest’autunno verrà rivissuta sul set per una serie in due puntate prodotta per Sky. Un altro criminale leggendario esce di galera e scatta subito il «ciak si gira». Più ne hai combinate come…

I RAPPORTI CON I SERVIZI SEGRETI


<<…Abbruciati venne congedato dagli agenti, ma la sera fu nuovamente convocato per vedere se s’era “ammorbidito”. Niente. Alle 21 di quel 23 luglio 1980, “negli uffici della Squadra Mobile, avanti a noi sottoscritti ufficiali di Polizia giudiziaria appartenenti al suddetto ufficio”, il “nominato in oggetto Abbruciati Danilo” non faceva altro che ripetere: “In merito ai…

Zio Carlo e la Mafia


In quel periodo Cosa Nostra era già entrata nel traffico di droga, e proprio per questa attività il ramo che faceva capo a Calò-Aglialoro e tutti gli altri cognomi avviò i contatti con la banda della Magliana, interessata ad avere rapporti con chiunque potesse offrire eroina e cocaina da rivendere. Siciliani compresi. Tra i “bravi…

Estate calda serve “arresto Freddo”


La polizia gli stava alle calcagna, ogni tanto lo interrogava, in seguito a controlli occasionali oppure con iniziative mirate, per tentare di incastrarlo: si sapeva che era uno dei terminali del traffico di droga di Roma, ma le prove erano sempre troppo poche. Eppure, dal ’79 in poi, Maurizio Abbatino – per qualche amico “crispino”…

I VOLTI CRIMINALI DIVENTANO “DI SERIE”: LA CRITICA


Romanzo criminale è una serie televisiva italiana basata sull’omonimo romanzo del giudice Giancarlo De Cataldo e ne rappresenta il secondo adattamento dopo il film diretto da Michele Placido. Giovani attori riuniti da Stefano Sollima hanno ripercorso le tracce della banda  interpretandone i personaggi. Il risultato è stato un inaspettato successo. Aldo Grasso per Il Corriere…

Il sequestro Grazioli


Immagine del duca Massimiliano Grazioli Lante della Rovere inviata alla famiglia per ricevere il ricatto, fonte Rai 3- Blu Notte Durante gli anni ’70, una delle principali attività in cui si impegnano le bande malavitose è rappresentata dal sequestro di persona. Nel solo 1977 ne sono compiuti 66. Un reato complesso, che richiede un’organizzazione articolata,…

Giovanni Bianconi: Un’altra storia d’armi…


Nella foto: Giovanni Bianconi, giornalista per La Stampa per molti anni, oggi per “Il Corriere della Sera” segue le più importanti vicende giudiziarie e di cronaca.  Bianconi ha scritto vari libri, raccontando con acume e gusto per i particolari le vicende criminali avvenute nella capitale negli ultimi trent’anni: dall’epopea della Banda della Magliana al terrorismo…

BANDA DELLA MAGLIANA: GUARDIAMOLA IN FACCIA


La Banda della Magliana, a differenza di altri nuclei criminali organizzati, come la Camorra o Cosa Nostra, non presentava un’organizzazione piramidale: non aveva infatti un solo capo, ma diversi, divisi in gruppi, che spesso lavoravano anche singolarmente e senza la necessità che gli altri lo sapessero. Questa gerarchia non piramidale ha avuto come effetto collaterale…