Da Albert «bocca piena» alla P2


LicioGelli_nottecriminale«Se mi avete preso, vuol dire che qualcuno mi ha tradito. Ma la pagherà cara, perché sono protetto da una grande famiglia», ringhia Albert Bergamelli, capo dei marsigliesi, il viso livido, stravolto dalla rabbia, quando la sera del 29 marzo 1976 arriva in stato d’arresto al secondo piano della questura romana. I cronisti presenti annotano distrattamente la frase senza neppure presagire, ma il prigioniero ne è consapevole, che stanno assistendo all’inizio dell’irreversibile declino di uno dei più grossi criminali del dopoguerra, la cui fase ascendente era trascorsa dall’esperienza del riformatorio ai grandi interessi internazionali, coperti dall’ombrello della massoneria deviata….continua a leggere qui 

Tagged with: , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Notte Criminale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: