A Roma si spara per uccidere e non finirà presto


roma omicidio 34In una nota stampa il presidente dell’Associazione “ I CITTADINI CONTRO LE MAFIE E LA CORRUZIONE” Antonio Turri ,segnala all’attenzione del Ministro dell’Interno e del Prefetto di Roma ,come nella Capitale sia in atto sin dal 2010 una violenta lotta per il controllo del mercato criminale degli stupefacenti dell’usura e del gioco d’azzardo.

Con gli omicidi-esecuzioni di piccoli pregiudicati delle periferie romane della giornata passata si evidenzia ancora una volta come una criminalità di piu’ elevato spessore stia operando a Roma con metodi chiaramente mafiosi. Per Turri questi ultimi omicidi cosi come la maggior parte di quelli consumati nell’anno 2011, sono il segnale di come un gruppo criminale emergente stia diffondendo il terrore tra i “naviganti solitari “del crimine capitolino. Chi sbaglia paga. E’ questo il messaggio che si deve raccogliere dal classico modus operandi di attingere le vittime con il colpo in testa.

I pregiudicati romani, i piccoli spacciatori, gli usurai di borgata, chi attinge i propri proventi dal gioco d’azzardo o dallo sfruttamento della prostituzione, ora sa che se non si uniforma alle volontà criminali dei più forti ed organizzati nuovi boss della malavita romana,sostiene Turri, morirà senza scampo alcuno.

75538_517165354992297_1184203082_nA Roma e nelle città del litorale, sino a Pomezia, Anzio, Nettuno e Aprilia, camorra,’ndrangheta e mafia siciliana fanno da scuola e da incubazione per la nascità di una più complessa aggregazione criminale, che da anni I Cittadini contro le mafie, chiamano “ LA QUINTA MAFIA” che ingloba criminalità autoctone e straniere in un mix esplosivo che secondo Turri si sta sottovalutando nella sua reale pericolosità e capacità di espansione.

Gli omicidi di mafia avvenuti la scorsa estate sul litorale laziale, a Nettuno e Terracina, quelli dei boss campani Pellino e Marino, sono anch’essi il segnale di una possibile collaborazione tra mafie meridionali e Boss della “Quinta Mafia”. Per Turri le difficoltà ad individuare gli autori di questi gravissimi fatti di sangue, sono il chiaro sintomo di come sia da ritenersi attiva anche a Roma una criminalità organizzata di tipo mafioso che deve essere combattuta con mezzi e metodiche repressive appropriate, specie per la peculiarità dei mercati criminali della capitale e per la consistente influenza delle mafie straniere, russa, cinese e albanese, solo per citare le più attive. Minimizzare non serve più a nulla.

Tagged with:
Pubblicato su Notte Criminale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: