Quando bruciare le proprie vittime è come bruciare le proprie colpe. Da omicida a “mostro”, altri giovani casi


 giovanerabbiaLa tragica vicenda di Corigliano, non è un caso isolato. Si tratta di modalità omicide non eccezionali nel caso di minori, anche se atroci.

A Brescia nel dicembre 1991, fu uccisa nello stesso modo la sedicenne Katiuscia Razio di Calcinatello. A confessare le responsabilità dell’atto fu il fidanzato di 19 anni, Davide Cella, che diede fuoco al cadavere della ragazza. Prima di essere bruciata, la giovane fu colpita da un tubo di ferro che le sfondò il cranio.

Nel maggio 1992, una quattordicenne di Roseto degli Abruzzi (Teramo), Donatella Salari, fu uccisa e poi bruciata «per amore» dal fratello di una sua amica, Vincenzo D’Elpidio, 20 anni, reo confesso.

Dopo 17 giorni dalla scomparsa, nell’agosto 1993, il corpo di Manuela Petilli Marchelli, 15 anni di Ivrea, fu trovato semicarbonizzato e in avanzato stato di decomposizione a pochi chilometri dalla sua abitazione. Autore dell’omicidio un 28enne nomade, condannato all’ergastolo.

babypusher_mediumUna bambina di 8 anni, Gabriella Mansi di Andria (Bari) fu uccisa nel 2000 col fuoco mentre era ancora viva – come accertò l’autopsia – dopo aver subito un tentativo di violenza. Fu bruciata tra le stoppie di un campo. Si accertò che ad ucciderla fu un ‘gruppò di cinque ragazzi tra i 18 e 20 anni.

A Formia, in provincia di Latina, il 30 gennaio 1989, Gisella Treglia, 17 anni, fu uccisa da un diciannovenne Alfonso Coppola, ex fidanzato della cugina. La ragazza ricevette 17 coltellate e poi le fu dato fuoco. L’omicida disse di averla uccisa perchè la ragazza si era rifiutata di mediare una riappacificazione con una cugina con la quale lui aveva avuto una relazione. Gisella avrebbe cercato di dissuaderlo e gli avrebbe rinfacciato i comportamenti violenti verso la cugina.

Tagged with: , , , , , , , ,
Pubblicato su Notte Criminale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: