“LA VICINA DI CASA” di Gianluca Arrighi


Alberto Cetti affondò il badile nel terreno, ma l’attrezzo si bloccò contro qualcosa di duro. Lui ci provò ancora, con maggiore accanimento.

Subito, dalla veranda della villetta accanto, una vocina soave richiamò la sua attenzione.

“Un’altra di quelle pietre! Stia attento, signor Cetti, questi giardini sono veri e propri cimiteri!”

Alberto Cetti girò le spalle mormorando qualcosa e riprese a lavorare caparbiamente.

Non gradiva essere osservato. Scavò intorno alla pietra con pazienza, cercando di liberarla dall’argilla che la tratteneva. Poi si inginocchiò a terra, per tirarla fuori. Quando vide di cosa si trattava, fu contento di aver dato le spalle alla sua vicina indiscreta.

Tra le mani stringeva un teschio.

Immediatamente pensò alla maniera di sbarazzarsene. Proteggendolo da sguardi estranei, s’incamminò lungo il vialetto del giardino.

Fuori dal cancello, una volta in strada, si avvicinò ad un cassonetto e vi gettò dentro il teschio.

La signora Fidocci, senza smentire il suo ruolo di vicina impicciona, era rimasta in veranda.
Appena l’uomo fu di nuovo all’interno della sua visuale, commentò:…

continua a leggere l’inedita crime novel dell’avvocato-scrittore Gianluca Arrighi scaricando il pdf QUI e scopri http://www.nottecriminale.it

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizietutto blog PaperblogW3Counter

Tagged with: , , , , ,
Pubblicato su Noir, Notte Criminale, Parole Criminali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: