Elvis Presley – Michael Jackson, destini incrociati


Cosa hanno in comune Elvis Presley e Michael Jackson? Il loro tragico destino. O poco più.

Il 16 agosto 1977 Elvis Presley, il più celebre cantante e chitarrista rock di tutti i tempi, veniva trovato morto nel suo bagno personale a Graceland.

Nel suo corpo furono trovate 14 sostanze medicinali, legalmente somministrate dal suo medico George Nick Nichopoulus che lo ha avuto in cura negli ultimi 12 anni di vita del cantante.

Trentadue anni dopo, il 25 giugno del 2009, Michael Jackson ha un malore improvviso nella sua villa, presa in affitto, di Los Angeles.

Il suo medico personale, Conrad Murray, scopre che il cantante non respira e attua la rianimazione cardio-polmonare. Trasportato d’urgenza nella clinica ospedaliera dell’università della California, viene dichiarato morto poco dopo per arresto cardiaco.

‘Deremol’, ‘Dilaudin’ e ‘Vicodin’ tre iniezioni al giorno di questi potenti antidolorifici che rientravano in un trattamento antifatica comprensivo, tra l’altro, di sedativi e ansiolitici assunti quotidianamente furono letali per Jackson. Ma anche per Elvis.

La cosa più inquietante della morte dei due idoli della musica mondiale è proprio questa: gli antidolorifici.

Quelli utilizzati da Michael Jackson nel 2009 furono gli stessi che determinarono la morte di Elvis Presley nel 1977, quest’ultimo padre della prima moglie di Jackson, Lisa Marie Presley che nei giorni successivi alla morte del padre di suo figlio Price dichiarava che “Michael temeva di morire come Elvis” e che nonostante le proprie rassicurazioni “era già rassegnato, come se conoscesse il suo destino.”

Destini che si incrociano maledettamente, per i Re del pop e del rock, vittime (forse) di due medici senza scrupoli: al dott. Nichopoulus nel 1995 è stata revocata la licenza, mentre il dott. Murray non dice nulla in attesa del processo.

C’è invece chi scommette che sia Michael che Elvis siano ancora vivi e che in realtà abbiano inscenato la loro morte per ‘uscire di scena’ perché stanchi della loro condotta di vita (strategia di marketing?).

Leggende metropolitane elencano possibili avvistamenti di Elvis piuttosto che la sua possibile origine aliena o il suo inserimento in un programma per la protezione di testimoni dell’FBI.

Sulla morte di Jackson, invece, è stato addirittura scritto un libro “Michael Jackson-Una morte poco chiara” (Mirjana Kovacic, ed. Lulù) che raccoglie stranezze ed incongruenze e testimonianze di persone che credono fermamente che il re del pop sia ancora vivo.

Destini accomunati, dunque, oltre che dalla tragica fine, anche dalla loro “leggendaria immortalità” che questa sera potrete approfondire nella puntata di “Delitti Rock” dal titolo “Elvis & Jacko – Destini incrociati” alle 23.30 su Rai 2.

Giovanni Mercadante

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizietutto blog PaperblogW3Counter

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Media Crime, News interessanti, Notte Criminale
One comment on “Elvis Presley – Michael Jackson, destini incrociati
  1. Emanuela ha detto:

    Price non è figlio di Lisa Presley!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: