Reggio Calabria: un uomo di 46 anni ucciso a colpi di lupara


Fucile calibro 12 caricato a pallettoni. Nove i colpi che hanno colpito la schiena, il tronco e la testa di Salvatore Raso prima che si accasciasse per terra e arrivasse il gelo della morte alla periferia di San Giorgio Morgeto, in provincia di Reggio Calabria.

Un’esecuzione, quella del quarantaseienne sospettato di essere vicino alla cosca Agostino-Condò e condannato per associazione a delinquere, che sembra avere il sapore di un regolamento di conti a “stampo” mafioso o forse di una faida tra famiglie.

Intorno all’omicidio, solo ipotesi al momento, anche perché non ci sono testimoni oculari a supporto delle indagini.

A trovare la vittima senz’anima, poco dopo le 7.30 in località Sant’Eusebio, è stato il fratello che ha subito avvertito i carabinieri.

E adesso gli inquirenti stanno indagando dopo aver setacciato il luogo del delitto, nella speranza di trovare indizi utili, ascoltato i familiari della vittima, per ricostruire le ultime ore precedenti all’uccisione e perquisito persone con precedenti penali della zona di San Giorgio Morgeto.

Marina Angelo

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizietutto blog PaperblogW3Counter

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Cronaca, Notte Criminale, pistole, Sud Crime

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS