18 anni dopo, Palermo non dimentica Don Puglisi.


«La storia di Don Pino Puglisi è quella della Chiesa migliore, quella fatta di parroci che svolgono un ruolo fondamentale in un contesto sociale come quello di Brancaccio e di tanti altri luoghi in cui la criminalità ha sempre avuto una fortissima influenza, e dimostra che la mafia ha paura di chi diffonde la cultura antimafia.

Don Pino si assunse la responsabilità di proteggere i bambini ed i ragazzi di Brancaccio e non si tirò indietro mai, nemmeno di fronte alla certezza che sarebbe stato eliminato.

La sua dedizione verso la gente e la sua strenua difesa dei principi di legalità e di solidarietà, rimarranno sempre impresse nella memoria di tutti i cittadini onesti».

Lo ha ricordato con queste parole Sonia Alfano, Presidente dell’Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia. Ma a queste si aggiunge un intero coro dentro e fuori le mura cittadine.

Palermo è pronta.

Quel 15 settembre, compiva cinquantasei anni. Quello stesso giorno, l’hanno ucciso. La mafia il giorno del suo 56º compleanno l’ha ammazzato per il suo costante impegno evangelico e sociale.

Per lui sicuramente non è stata una sorpresa vedersi aggredire dai killer. Molte erano state le minacce di morte ricevute.

Eppure, Pino Puglisi, non si è fermato.

A dire il vero, non l’hanno fermato nemmeno i suoi assassini.

«Me lo aspettavo» Queste, infatti, sono state le sue ultime parole davanti alla pistola che Giuseppe Grigoli gli puntava contro.

Palermo e i giovani del quartiere sottratti al dominio del clan dei Graviano grazie al centro “Padre Nostro”, sono cresciuti col suo ricordo ed i suoi insegnamenti.

Oggi e domani, quei piccoli ormai grandi, saranno presenti e numerosi per celebrare Don Puglisi nel quartiere Brancaccio, in Cattedrale, nella casa circondariale “Pagliarelli” e per le vie del capoluogo siciliano.

Ancora pallottole sparate a vuoto, dunque.

E se le vie del Signore sono infinite, probabilmente per nessun uomo di mafia, delinquente o criminale verrà aperta una causa di beatificazione come per il parroco in attesa di beatificazione.

Le uniche cause da aprire, saranno (questa si che è una certezza) pronte ad arricchire i fascicoli per il carcere a vita per quei “servi sotto padrone”.

Marina Angelo

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizietutto blog PaperblogW3Counter

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Cronaca, News interessanti, Notte Criminale, Sud Crime

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: