Campania: l’Industria della “munnezza” e l’impatto oltre l’ambiente 2ª parte


L’avvocato Cipriano Chianese, fu il primo a fiutare l’affare della spazzatura. In poco tempo comprò terreni, gestì cave tanto da anticipare nell’affare anche il potente clan dei Casalesi, solo buoni secondi nel business.

Dario De Simone, pentito di camorra racconta : «l’avvocato Chianese con le discariche ha guadagnato miliardi. Quando noi ce ne siamo accorti era un pò tardi e abbiamo cercato di recuperare il terreno perduto, ma ero certo che questa cosa sarebbe scoppiata perché c’era troppa confusione, troppe persone implicate. In due tre anni di lavoro hanno tirato su tanti soldi».

I soldi che entravano nelle casse del clan erano davvero molti (pari a quasi 5 miliardi delle vecchie lire). Servivano per pagare gli affiliati o gli stipendi che arrivavano fino a 400 milioni di lire al mese.

Sul libro paga non c’erano soltanto i membri del clan, ma anche gli sbirri corrotti ed alcuni professionisti della zona che offrivano la loro collaborazione come notai, dottori commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro e tecnici vari.

L’enorme quantitativo di denaro, necessario e sufficiente a finanziare un clan criminale ha comunque un prezzo e in questo caso, il prezzo si chiama devastazione della propria terra.

Poco importava sapere dove andavano i rifiuti solidi urbani,provenienti dai comuni del Nord Italia e dalle fabbriche del settentrione, che anni dopo, strumentalizzati dalla Lega Nord, rifiuteranno di caricarsi un pò di pattume di provenienza campana.

Per gli imprenditori settentrionali l’unica cosa importante era aver le carte in regola, con i timbri giusti e capaci di attestare il corretto smaltimento dei propri rifiuti. Poco importava se la terra campana fosse stuprata o dove venisse nascosta la spazzatura.

Le carte erano apposto grazie al sistema del giro bolla. Un procedimento curato da alcune imprese che provvedevano a contraffare i documenti di accompagnamento dei materiali cosicché, il trasporto dei rifiuti, al momento di eventuali controlli, risultava “regolarmente” diretto ad una falsa discarica di conferimento.

La commissione d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti ha posto a conoscenza dell’opinione pubblica dell’esistenza di una cava, situata tra Caserta e Napoli, dove la munnezza, caricata su 28 mila tir (capace di coprire la distanza tra la Campania e Lombardia), veniva versata.

Ad onor del vero, in provincia di Caserta, le cave erano nate per l’estrazione del tufo o per la costruzione di autostrade ma, in corso d’opera, sono diventate vere e proprie pattumiere illegali.

Grazie alla polizia ambientale, solo nel 2006, sono state sequestrate in Campania oltre 140 discariche. Nelle duecentoventidue sigillate invece nel 2007, veniva seppellito di tutto tanto da trasformare le terre di Caserta e Napoli in zone simili a quelle dell’Afghanistan o del Libano dove sono disseminante bombe a grappolo.

Le bombe presenti nel casertano e nel giuglianese portano, però, un nome diverso da quelle afgane e libanesi. Si chiamano indici tumorali e sono superiori ad ogni altra zona dell’Italia.

 

 

Giuseppe Parente

…continua

LINK AI POST CORRELATI:

Rifiuti, che inciucio!

Consorzi di bonifica del territorio: centri di interesse per mala politica, imprenditoria collusa e camorra..

Affare rifiuti in terra di Gomorra, tra pallottole e fango.

Campania: l’Industria della “munnezza” e l’impatto oltre l’ambiente

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizietutto blog PaperblogW3Counter

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Cronaca, News interessanti, Notte Criminale, Sud Crime
3 comments on “Campania: l’Industria della “munnezza” e l’impatto oltre l’ambiente 2ª parte
  1. […] Campania: l’Industria della “munnezza” e l’impatto oltre l’ambiente 2ª parte […]

  2. […] Campania: l’Industria della “munnezza” e l’impatto oltre l’ambiente 2ª parte […]

  3. […] Campania: l’Industria della “munnezza” e l’impatto oltre l’ambiente 2ª parte […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: