La grande fuga Così evasero brigatisti e boss


«Sono passati tanti anni e non ho più voglia di parlarne»: così Alfeo Zanetti, attraverso il fratello, declina l’invito a parlare di cosa accadde davvero a Milano, quel 3 novembre 1977 che cambiò per sempre la vita della famiglia Saporito. La rapina alle poste di via Castel Morrone fu un episodio di criminalità comune o una operazione di «autofinanziamento» per un’organizzazione terrorista? La risposta sta nelle carte che, su richiesta dei Saporito, la Procura milanese ha raccolto: quell’assalto fu opera di due militanti dei Nap, i Nuclei armati proletari, banda fiorita nel terreno di confine tra terrorismo e malavita comune.

Tentata evasione dal carcere di San Vittore il 28 aprile 1980 (fonte foto L’Unità e Ansa)

Di quel contagio, scaturito nel chiuso delle carceri speciali, l’episodio più clamoroso fu indubbiamente l’evasione di massa da San Vittore, il 28 aprile 1980. La fuga era stata organizzata meticolosamente, e vide tra i partecipanti i nomi più importanti sia del terrorismo rosso che della criminalità organizzata: dal portone principale, dopo avere immobilizzato le guardie, se ne andarono Renato Vallanzasca, il boss della Comasina e il suo «vice» Antonio Colia; il capo di Prima Linea Corrado Alunni, il leader dei Nap Emanuele Attimonelli, e altri dodici detenuti. La maggior parte non andò lontano: Alunni venne ferito e catturato a pochi passi da San Vittore, Vallanzasca idem. Solo cinque dei fuggiaschi riuscirono a fare perdere le loro tracce: uno era Alfeo Zanetti, il rapinatore-nappista che tre anni prima aveva causato la morte di Giuseppe Saporito.

Fonte: Il Giornale

 

Add to GoogleBookmark and Share OkNotizietutto blog PaperblogW3Counter

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Cronaca, Notte Criminale, Vallanzasca
2 comments on “La grande fuga Così evasero brigatisti e boss
  1. Io mi sto interessando alle vicende di Vallanzasca ed inevitabilmente, tali vicende, si intrecciano in un vortice impetuoso con il terrorismo di quegl’anni.
    Vallanzasca a causa del suo bel caratterino, ha girato in lungo e in largo quasi tutte le carceri d’Italia, quindi, da vero testimone, solo lui potrebbe raccontare cio’ che ha sentito e le impressioni che si fece di questi militanti della lotta armata.
    Ma si sa, ed è anche per questo secondo me che sta pagando piu’ di ogni criminale in fatto di anni in carcere, lui è un irriducibile e non ha mai parlato.
    Non ha mai scambiato la libertà in cambio di una confessione o “pentimento” ed è per questo che, da parte mia, ha il massimo rispetto.
    In una persona, indipendentemente dal suo vissuto, vanno riconosciuti anche i valori morali. Condivido con chi lo ha definito “un bandito onesto in una società dove, molte volte, gli onesti sono banditi”.
    A questo bellissimo sito auguro buon lavoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: