Romanzo criminale, pistole vere nei guai gli armieri delle fiction


Bloccata l’attività delle quattro società che fornivano, tra l’altro, pistole e mitra per tv e grande schermo in tutta Italia. Tra le produzioni anche l’Ispettore Coliandro e Calibro 10. In manette i titolari di tre ditte. Un quinto denunciato a piede libero. E ora il cinema di casa nostra è disarmato. L’avvocato: “Arresti effettuati oltre 20 giorni fa. E sono stato tutti rimessi in libertà. Perché dare la notizia oggi?”

Il Freddo, Dandi e il Bufalo. Gli attori che impersonavano gli eroi negativi delle due serie televisive di Romanzo criminale impugnavano armi vere. Così come tanti attori in altre serie, che impersonavano poliziotti o criminali. La scoperta fatta dagli agenti della questura di Roma ha messo nei guai i titolari delle quattro società che ‘armano’ tutto il cinema e la tv italiana.

 

Nel corso dei controlli gli agenti hanno anche riscontrato la presenza di armi del tipo di quelle in uso alle Forze di polizia, ed ancora del tipo “ex ordinanza”, si tratta cioè di armi che in passato erano state in dotazione delle Forze dell’ordine. Complessivamente, tra le armi comuni da sparo sono state sequestrati 5 revolver, 22 pistole semiautomatiche, 9 fucili e 3 carabine. Altre 3 pistole semiautomatiche e 4 fucili mitragliatori figurano invece tra quelle classificate come armi da guerra.

Armi doppiamente pericolose, visto che non erano rese inerti (come stabilisce la legge) dall’armaiolo autorizzato (uno solo a Roma), che poi rilascia regolare cerificato. Bensì venivano bloccate da un bullone removibile che avrebbe potuto anche sganciarsi durante uno sparo a salve e ferire sul serio qualcuno degli attori impegnati nelle riprese. Non solo.

Il bullone in questione poteva essere tolto, rendendo così di nuovo l’arma perfettamente funzionante. Ma funzionate per cosa e perché non attivare la procedura legale. Su questo si sta concentrando l’attività degli investigatori che non fanno intendere di non escludere “usi impropri”. Insomma, diversi dalle fiction.

Quattro romani tra i 39 ed i 54 anni, sono stati arrestati con l’accusa di detenzione illegale di armi comuni da sparo nonché di detenzione di armi da guerra, un quarto è stato denunciato a piede libero. I locali adibiti a deposito sono stati invece sottoposti a sequestro. E adesso, le produzioni per il grande schermo e la tv sono disarmate.

La questura ha chiesto all’autorità giudiziaria di sottoporre pistole, fucili e mitra sequestrati a perizia e di inviarle alla polizia scientifica per accertare se siano state usate per commettere reati. “E’ difficile ricostruire la storia di armi che hanno 70 anni – ha spiegato il dirigente della Divisione amministrativa Edoardo Calabria – alcune delle pistole sequestrate sono state in passato in dotazione delle forze dell’ordine e non più in uso. Proseguiremo le indagini per ricostruire il loro percorso”.

L’avvocato. “Gli arresti sono stati effettuati più di 20 giorni fa – fa sapere Emilio Marigliani, difensore di due degli indagati – non si comprende il motivo per il quale la questura abbia diramato la notizia oggi e abbia addirittura convocato una conferenza stampa. Probabilmente l’unico motivo è che, fino ad ora, le richieste delle procure procedenti (Roma e Velletri) sono state frustrate dai competenti giudici per le indagini preliminari, tanto che gli arrestati sono stati rimessi in libertà subito dopo l’udienza di convalida, poiché non sono state ravvisate esigenze cautelari. Per uno di loro, addirittura, non è stato nemmeno convalidato l’arresto”. Secondo il legale, inoltre, anche l’accusa che le armi possano essere modificate facilmente e divenire armi vere “sarà oggetto di accertamenti e perizie”.

http://tv.repubblica.it/edizione/roma/banditi-falsi-ma-con-armi-vere/63135?video

Fonte La Repubblica

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizie

tutto blog


Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su arresti, Cronaca, News interessanti, Notte Criminale
2 comments on “Romanzo criminale, pistole vere nei guai gli armieri delle fiction
  1. […] Prosegue Articolo Originale: Romanzo criminale, pistole vere nei guai gli armieri delle fiction … […]

  2. aiat-sfx ha detto:

    Comunicato stampa sulle notizie riguardanti le Armi per uso scenico

    Roma, 2 marzo 2011

    A seguito delle notizie giornalistiche diffuse nella giornata di ieri, 1 marzo 2011, che con tanto clamore hanno affrontato un’iniziativa della Questura di Roma che vedrebbe coinvolti i fornitori di armi per uso scenico per il cinema, l’Associazione AIAT-SFX comunica il profondo stupore di fronte alla superficialità con la quale si stanno diffondendo informazioni prive di fondamento o di motivo di allarme.
    Oltre una settimana fa (ed è questo un primo dato che lascia sconcertati, visto che è soltanto a partire da ieri, 1 marzo, che i giornali hanno iniziato ad occuparsene), analogamente a quanto già avvenuto nel 1995, i titolari di licenza di deposito di armi per uso scenico hanno subito controlli dai quali sarebbero emerse presunte irregolarità nell’attività di demilitarizzazione. La contestazione dei presunti illeciti, in alcuni casi ha determinato provvedimenti restrittivi della libertà personale che sono stati però revocati in brevissimo tempo.
    Da ricordare, al riguardo, che tutte le inchieste del 1995, accompagnate da una campagna mediatica degna dei più gravi fatti di mafia e terrorismo, si sono tutte concluse, soltanto tre mesi fa, con l’assoluzione con formula piena di tutte le persone coinvolte.

    Oggi come allora, gli illeciti contestati in questi giorni riguarderebbero, in ogni caso, non il tipo o la natura delle armi, così come in maniera allarmistica sono state presentate dai mezzi di informazione (anche armi da guerra!), bensì lo stato degli interventi adottati per rendere “armi perfettamente funzionanti all’origine”, quale che sia la loro natura, utilizzabili per uso scenico.
    I mezzi di informazione è bene quindi che sappiano che per le armi per uso scenico esiste una regolare registrazione dei numeri di matricola ed una licenza di detenzione. L’uso sui set cinematografici è inoltre regolato da specifiche licenze di trasporto ed impiego da parte di personale abilitato. E’ di tutta evidenza, quindi, che per il tipo di regolamentazione alle quali tali armi sono sottoposte, le stesse non possono essere considerate inerti.
    L’Associazione AIAT-SFX sottolinea, inoltre, che diversamente da quanto ritenuto e divulgato dagli organi di informazione, al momento non esistono norme di legge che specifichino le caratteristiche che le armi per uso scenico debbano possedere.
    Tale specificazione è infatti giunta, peraltro in forma di “semplici accorgimenti tecnici”, con il “Decreto legislativo 26 ottobre 2010 N° 204 – Norma di attuazione della direttiva 2008/51/CE”, che entrerà in vigore il primo luglio 2011:
    Art. 22 – … Per armi da fuoco per uso scenico si intendono le armi alle quali, con semplici accorgimenti tecnici, venga occlusa parzialmente la canna al solo scopo di impedire che possa espellere un proiettile ed il cui impiego avvenga costantemente sotto il controllo dell’armaiolo che le ha in carico.

    E’ quindi facile rilevare che le armi sequestrate, prendendo a riferimento le dichiarazioni riportate dai giornali, riferibili alla Questura di Roma, e la normativa che entrerà in vigore il primo luglio (che, è bene ripetere, per la prima volta definisce le caratteristiche che le armi sceniche debbono possedere per il loro utilizzo), erano regolarmente predisposte per impedire l’espulsione di un proiettile.
    Le dichiarazioni circa la possibile facile rimozione degli interventi tecnici e, quindi, della pericolosità che queste armi avrebbero potuto comportare nell’utilizzo sui set, e in tal senso si è addirittura fatto riferimento a quanto avvenuto all’estero, non hanno alcun senso tenuto conto, appunto, che le armi in oggetto debbono essere affidate a persone dichiarate abili al “maneggio di armi per uso scenico” dalla stessa Questura.

    L’Associazione AIAT-SFX comunica, infine, che si sta attivando per sollecitare un intervento dell’Autorità Amministrativa che definisca in maniera chiara e non oltremodo restrittiva, oltre quanto, cioè, non espressamente vietato dalla legge, le caratteristiche che le armi sceniche debbono possedere, tenendo conto, in primo luogo, delle esigenze di sicurezza sui posti di lavoro, che non possono evidentemente cadere in secondo piano rispetto ad altro tipo di considerazioni che nulla hanno a che vedere con la sicurezza sui set.
    Ci si riferisce, in particolare, alla possibilità di poter compiere normali operazioni di manutenzione, quali la pulizia e la verifica dell’efficienza meccanica, nonché l’evitare che vengano compiute presunte operazioni di demilitarizzazione che tutto sono meno che sicure.

    Laddove dovesse persistere l’attuale quadro di incertezza giuridica, che al momento non consente agli operatori del settore di poter lavorare con la dovuta tranquillità, l’Associazione AIAT-SFX si troverà costretta ad invitare tutti i tecnici abilitati all’uso delle armi per uso scenico a sospendere ogni attività.

    Per l’AIAT-SFX
    il Presidente
    Franco Ragusa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: