Vallanzasca, così Milano sparava


Kim Rossi Stuart

Un magnifico Kim Rossi Stuart interpreta il bandito della Comasina nel film di Placido, appena uscito. Un poliziesco all’italiana, pieno di ritmo e raffiche di mitra, ma tutt’altro che stupido

Non è nuova, l’operazione fatta da Michele Placido con il suo “Vallanzasca – Gli angeli del male”: ad evocare le gesta di noti criminali, c’erano già stati Florestano Vancini (“La banda Casaroli”, 1962) e Carlo Lizzani (nel ’66 col Luciano Lutring di “Svegliati e uccidi”, nel ’68 con la banda Cavallero di “Banditi a Milano”).

Si trattava di film debitori al noir francese, capaci di delineare ritratti d’ambiente e figure convincenti senza rinunciare a scene d’azione. Tra le pellicole citate e l’oggi c’è stato però, negli anni Settanta, il fenomeno del poliziesco italiano: spiccio nei modi, semplificato nelle psicologie, estremamente crudele (ma capace di produrre gioiellini come certi titoli di Fernando Di Leo).

Placido si è incamminato su queste strade firmando un’opera tutta ritmo e frenesia, scandita dal basso continuo delle morti, dal crepitio degli spari, dalla fisicità della violenza. Fedele all’antico detto di John Ford, («Se la leggenda diventa realtà, stampa la leggenda»), Placido ha stampato la leggenda, enfatizzando il lato avventuroso del protagonista, la sua fama di sciupafemmine e il codice d’onore cui si sarebbe attenuto.

John Ford

Ne risulta un poliziesco di gran professionalità: forse meno azzeccato di “Romanzo popolare”, ma non privo di finezze antropologiche. Basti vedere quando, nel carcere, Vallanzasca mostra all’allibito ex compagno di scorrerie Francis Turatello le lettere, le poesie sdilinquite oppure oscene che riceve dalle donne ogni giorno, concludendo con sarcasmo: «Sai, sono le perversioni della casalinga italiana media». Kim Rossi Stuart, nei panni del “bel René”, è magnifico nell’evidenziare ombre e ossessioni del personaggio, arrivando a ricalcare persino la parlata milanese dell’epoca. Filippo Timi, gregario strafatto e incline al tradimento, fornisce ancora una volta una prova superlativa.

Vallanzasca – Gli angeli del male di Michele Placido, con Kim Rossi Stuart, Filippo Timi, Valeria Solarino, Paz Vega

Lietta Tornabuoni

Fonte: L’Espresso

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizie


tutto blog


Paperblog

W3Counter

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Cronaca, Film, Francis Turatello, News interessanti, Notte Criminale, Vallanzasca
One comment on “Vallanzasca, così Milano sparava
  1. […] Solarino, Vallanzasca, Vallanzasca – Gli angeli del male, your plus communication NOTTE CRIMINALE Post Published: 08 gennaio 2011 Author: aggregatore Found in section: Notizie e […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: