Il comandante Peppe e quegli amici all’ombra del fungo.


…Chiarito che Carminati

1. non è tra i fondatori dei Nar (era solo compagno di scuola e amico di avventure con Valerio Fioravanti e Franco Anselmi, i veri capi del primo gruppo di fuoco dei Nar)

2. non esisteva nessuna sezione Eur del Msi: il ritrovo dei camerati era lo stesso bar Fungo frequentato da Giuseppucci ma anche dagli ndranghetisti in trasferta

3. non era simpatizzante di Avanguardia Nazionale ma solo compagno di batteria con Peppe Dimitri

possiamo provare a sciogliere l’ingarbugliato nodo. Proprio a partire dalla figura di ques’ultimo. Perché Peppe Dimitri è il vero snodo dell’intera vicenda.

Peppe Dimitri

E’ lui, infatti, l’organizzatore della famosa rapina alla Chase Manhattan Bank dell’Eur il cui bottino (traveller’cheque) sarà affidato a Giuseppucci per il riciclaggio e lo porterà per qualche mese in galera.Dimitri ha militato al liceo in Avanguardia Nazionale e dopo lo scioglimento del gruppo ha trasportato la lezione delle “Guardie Runiche” (il “corpo scelto” del gruppo) in Terza posizione. Alla fine degli anni ’70 è il leader più noto e più amato della “piazza nera” romana. Nell’estate del 1979 decide di organizzare una batteria di rapinatori per liberarsi dalla necessità del lavoro e finanziare la latitanza dei suoi amici avanguardisti. Mette a frutto la sua rete di amicizie politiche, che comprende funzionari di banca e guardie giurate, per assicurarsi buone “basi”. Carminati e un altro giovane “guerriero” destinato a una tragica fine, Alessandro Alibrandi, cresciuti all’Eur nel mito di “Peppe”, fanno parte del gruppo di fuoco. In due mesi compiono quattro-cinque rapine impeccabili per organizzazione.

Alessandro Alibrandi

Riccardo Mancini è un altro dei fedelissimi di Dimitri e si ritroverà imputato con lui nel processo per la ricostituzione di Avanguardia nazionale. Vent’anni dopo Peppe Dimitri diventerà consigliere politico di Alemanno e sarà lui a portargli in dote il rapporto con centinaia di militanti più o meno duri e puri della “piazza romana”. E il leader postfascista li trainerà con sé nella lunga marcia nelle istituzioni. A questo gioco è del tutto estraneo Carminati. Il “Nero”, a sua volta, quando è colpito da mandato di cattura per i Nar e decide di fuggire all’estero, è in compagnia di un altro avanguardista-rapinatore, Mimmo Magnetta, che delle “guardie runiche” era stato addirittura il capo. La polizia li aspettava al valico di frontiera e apre il fuoco a freddo, convinta che nell’auto ci fossero i capi superstiti dei Nar (Francesca Mambro, Giorgio Vale e Cavallini). Carminati perderà un occhio ma visto la pioggia di piombo scaricata dall’antiterrorismo se la caverà bene. Ma quell’esperienza lo segnerà per il resto della vita.

Fabiola Moretti e Giovanna Di Rauso (Donatella in romanzo Criminale La Serie)

Come ha raccontato, nelle sue confessioni, Fabiola Moretti (la spacciatrice bionda di “Romanzo criminale 2”): “Lo sentivo diverso da noi. Noi commettevamo certe azioni perché avevamo bisogno di vivere, e non conoscevamo altro modo che quello per vivere. Massimo Carminati e i fascisti come lui commettevano le stesse azioni per gusto, per fanatismo ideologico, e ne ricavavano anche soldi, ma il movente primo era l’ideologia. Per questo non mi piaceva, e lo dissi a brutto muso a Danilo, il quale invece la pensava diversamente, mi diceva che Massimo era un bravo ragazzo, lo stimava moltissimo (…) Massimo era un tipo taciturno, serio, educato rispetto alla media delle persone che frequentavamo (…) Era stato coinvolto in un conflitto a fuoco, diceva sempre che dopo quell’episodio in cui sarebbe potuto morire, ogni giorno in più di vita era tanto di guadagnato, mostrando così una sorta di disinteresse per la morte” .

Ugo Maria Tassinari

LINK AI POST CORRELATI:

https://nottecriminale.wordpress.com/2010/12/10/e-il-nome-del-nero-spunta-anche-nella-parentopoli-romana/

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizie
tutto blog

Paperblog

W3Counter

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Banda della Magliana, CONTROCANTO, Cronaca, News interessanti, Notte Criminale
2 comments on “Il comandante Peppe e quegli amici all’ombra del fungo.
  1. […] vecchi cliché, vertice, violazione della legge sulle armi, your plus communication NOTTE CRIMINALE Post Published: 12 dicembre 2010 Author: aggregatore Found in section: Notizie e […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: