MONICA ZORNETTA: C’E’ PROPRIO BISOGNO DI TUTTI QUESTI EROI?


Nella foto: Monica Zornetta, giornalista, scrittice. Collabora con “Blunotte“, “Galatea“, rivista svizzera di geopolitica e scrive per “Narcomafie”. Ha scritto per “Il Gazzettino”, è stata corrispondente di Rtl 102.5, ha partecipato al libro “Giornalismi e mafie” (Premio Ilaria Alpi). E’ autrice di “A casa nostra. Cinquant’anni di mafia e criminalità in Veneto” con D. Guerretta (2006) B.C. Dalai Editore e “Terrore a nordest” scritto con G.Fasanella e pubblicato nel 2008 per la BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Sguardi altrove, domande lecite, analisi, opinioni…il contributo di Monica Zornetta.

«Mi ha fatto un certo effetto scoprire che Felice Maniero, il capo della Mala del Brenta – ma potremmo chiamarlo il pluriassassino, il trafficante di droga e di armi, l’uomo che per salvare sé e i propri famigliari non ha esitato a vendere la pelle dei fedeli sodali etc.. – avrà presto una fiction in due puntate a lui dedicata. Una produzione che – e questa è stata la cosa che più mi ha lasciato perplessa – si rifà interamente alla sua fiabesca autobiografia, uscita per la Marsilio nel 1997 e ben presto sparita dagli scaffali delle librerie.

Chi lo ha conosciuto bene ricorda di averlo visto più volte, in quel periodo, girare con un bloc notes in mano, pronto ad afferrare la volatilità di una frase ad effetto o il pensiero adatto, secondo lui, a rivivere per sempre sulla carta (grazie anche al fondamentale apporto, al cosiddetto “mestiere”, dell’ex giornalista de Il Giornale, Andrea Pasqualetto).

Chi lo ha conosciuto bene sorride di quanto Felice ha scelto di tramandare ai posteri: un’immagine non proprio autentica di sè, limata ed edulcorata all’inverosimile e già pronta – pensandoci bene – a finire dritta dritta al centro di una fiction che, come spesso accade, certificherà la sua identità di “eroe”. L’ennesimo eroe nero. Ma, mi chiedo, c’è proprio bisogno di tutti questi “eroi”?

Felice Maniero è, diciamo così, un eroe che, a leggere quanto sta scritto in “Una storia criminale”, ha fatto dello scrupolo e della generosità il proprio bollino di riconoscimento (ma, chissà perchè, chi lo ha conosciuto bene lo ha descritto in termini opposti) e, perfetto paradigma dell’italiano “cuore di mamma”, ha sofferto e si è tormentato per aver dato preoccupazioni alla amatissima madre Lucia.

E quando si è trattato di tratteggiare la figura della donna, la penna di Maniero si è fatta ancora più delicata: Lucia Carrain – che dal giorno del “pentimento” di “faccia d’angelo”, avvenuto nel lontano 1995, vive tra gli agi in una località segreta –  viene descritta come una donna umile e per bene, interamente dedita all’immacolata famiglia, al vivace figliolo e alla di lui sorella, Noretta, nata dal matrimonio con Ottorino, pregiudicato, fratello di pregiudicati.

E’ una donna per bene la Lucia immortalata da Maniero, che non ha mai approvato le scelte dell’erede (così scrive), che si doleva  in silenzio per il suo carattere ribelle e che irrobustiva il magro bilancio famigliare lavando le scale delle case dei “signori”. Sono lontanissime dall’autobiografia che ha ispirato la fiction le accuse avanzate contro di lei da alcuni suoi ex sodali, uno su tutti Silvano Maritan di San Donà di Piave (Ve), che, anche nell’ultimo processo, conclusosi in prima istanza nel dicembre 2008 con cinquecento anni di carcere per 41 imputati, l’ha più volte definita “la cassiera della banda”, la vera mente criminale di tutta l’organizzazione.

E, ancora: a leggere Maniero le fughe dagli istituti di sicurezza (Fossombrone, Padova, la tentata evasione dal carcere di Vicenza) sarebbero avvenute solo grazie al genio, al coraggio e all’audacia che lo caratterizzano da sempre e non, invece, alle facilitanti manovre sotterranee attuate da qualche apparato dello Stato. Ma, queste, sono solo malignità.

Dopo la discutibile prova offerta da un’altra fiction a  lui dedicata (“Città criminali”, andata in onda nell’autunno 2009 su La 7 tra le risatine imbarazzate di quanti – ancora loro – lo hanno conosciuto bene) e considerata la totale assenza, nella fiction, di contraddittorio e di versioni alternative alla storia che ha raccontato, penso che Felice Maniero (dimenticavo: oggi non si chiama più così) possa perfino decidere di partecipare in qualche modo alla produzione. Di farsi intervistare, di dare qualche utile consiglio, di suggerire particolari o situazioni capaci di rendere ancora più fulgido il suo “mito”.

Ma anche su questo punto, in realtà, nutro forti dubbi. Da tempo, infatti, l’ex boss – divenuto imprenditore – non cerca più riflettori e telecamere: reso più saggio dall’età, preferisce ora muoversi a passi felpati e silenziosi…»

Monica Zornetta

“A Casa nostra. Cinquant’anni di mafia e criminalità in Veneto” (Baldini Castoldi Dalai editore)


Bookmark and Share

Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su Autori e libri, Cronaca, Felice Maniero, Film, News interessanti
2 comments on “MONICA ZORNETTA: C’E’ PROPRIO BISOGNO DI TUTTI QUESTI EROI?
  1. […] leggerne è invece data dal libro La resa. Ascesa, declino e «pentimento» di Felice Maniero di Monica Zornetta. La resa (Dalai editore) si occupa specificatamente della storia personale e giudiziaria di Faccia […]

  2. - Vivi Capena ha detto:

    […] leggerne è invece data dal libro La resa. Ascesa, declino e «pentimento» di Felice Maniero di Monica Zornetta. La resa (Dalai editore) si occupa specificatamente della storia personale e giudiziaria di Faccia […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Seguici su Twitter
NOTTE CARDS
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: