«Lei non sa chi sono io» Forse, ma sono sicuro che ha appena commesso reato.


«Lei non sa chi sono io!» E’ stato Totò il principe della risata a lasciarci in eredità questa battuta. Almeno così è rimasta fino a ieri quando la Cassazione ha stabilito che l’espressione ha un contenuto in grado di limitare la «libertà psichica» altrui se scappa di bocca in un «contesto di alta tensione verbale»….

continua a leggere lei non sa chi sono io

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...