Lacrima


di Michele Februo La lacrima sgorgo’ lentamente, quasi a fatica, da quegli occhi socchiusi e scivolo’ piano nell’alveo di quelle rughe cosi’ profonde da sembrare il letto di un fiume. Erano occhi ancora capaci di lanciare terribili fulmini ma, anche se chiusi, di irradiare immensa dolcezza. Avevano visto una vita, sapevano leggere i respiri ed…