In manette « U Scintilluni». Poi, “Nino il bello”, si complimenta con la polizia.


«Signor presidente, a me nessuno mi ha mai chiamato “Scintilluni”, il mio soprannome è uno solo. Nino il bello» Così, con la spavalderia di sempre, Antonino Lauricella, rispondeva all’unica domanda che nel novembre dell’’88 il presidente della Corte d’assise, Giuseppe Prinzivalli, gli poneva durante una interrogazione.

Sebbene in quell’occasione “Nino il bello” fu assolto, questa mattina alle 8.30 è stata la squadra mobile di Palermo, prima di ricevere i suoi stessi complimenti (e dopo essere sfuggito ad un altro bliz nel 2005 mentre i carabinieri intercettavano un altro boss, Luigi Abbate, detto Gino u mitra –lo stesso, pare, che ha dato le indicazioni per la sua cattura-), a mettere un punto alla sua carriera criminale.

Il cinquantasettenne boss delle estorsioni, infatti, è stato arrestato, dalla polizia, mentre andava a fare la spesa nel popolare mercato palermitano: Ballarò.

Conosciuto come “scintillone” perchè brillava in eleganza, il «Brummel» dei mafiosi, era ricercato dal 3 ottobre 2005. Negare sempre anche davanti l’evidenza, questo sembra essere il suo motto preferito, infatti, al momento del fermo, tra le bancarelle del mercato, ha dichiarato ai poliziotti di chiamarsi Salvatore Messina.

Privo di documenti e messo alle stette, ha confessato: «Sono io Lauricella» e si è complimentato con il dirigente della sezione Carmine Mosca.

Il mafioso, arrestato dopo sei anni di latitanza, al momento della cattura in tasca aveva quaranta euro ma non un cellulare, mentre, dentro al borsone, un asciugamano, un passamontagna, un coltellino e guanti in lattice.

«È stato un arresto difficile per la cortina di omertà che si ergeva attorno a Lauricella – ha spiegato il procuratore aggiunto di Palermo, Ignazio De Francisci – La Squadra Mobile di Palermo, con la consueta professionalità e impegno, è riuscita in quest’operazione. Siamo molto soddisfatti –ha continuato- perchè Lauricella, pur non essendo un latitante di primo piano, gestiva gli affari mafiosi nel cuore di Palermo”

Infatti «U Scintilluni» è stato accusato di traffico di droga, omicidi, mafia, estorsioni. Reati per i quali è stato spesso assolto. Cresciuto sotto la guida del boss Masino Spadaro e del capomafia Gerlando Alberti, Lauricella è stato inserito a pieno titolo nel gotha di cosa Nostra dopo gli arresti che hanno sfoltito i vecchi padrini ma anche per i rapporti di parentela che lo legano ad altri mafiosi come Pietro Senapa.

Adesso, se Nino il bello, andava a ritirare le mazzette da costruttori e negozianti con camicie Burberrys, pantaloni in piega perfetta, scarpe lucide, è tempo di infittire le indagini attorno a Giovanni Motisi.

Motisi, deve ancora scontare l’ergastolo da quando sparì nel ’98.

I complimenti per l’arresto, oltre che dallo stesso Laudicella, sono arrivati dal ministro dell’Interno Roberto Maroni: «Grazie all’eccellente lavoro investigativo della Squadra Mobile di Palermo, è stato assicurato alla giustizia un boss mafioso molto pericoloso e in forte ascesa».

Marina Angelo

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizietutto blog PaperblogW3Counter

About these ads
Tagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Pubblicato su arresti, Cronaca, News interessanti, Notte Criminale, Sud Crime

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 9.659 follower